Viaggi Organizzati – Vantaggi e Svantaggi

Per organizzare il prossimo viaggio facciamo ricerche: navighiamo in rete, leggiamo giornali, guide e cataloghi. Dopo questo primo momento arriva la scelta, da soli o in gruppo, con un tour operator o all’avventura, tramite internet o tramite agenzia. Quando decido il luogo che visiterò, in base alla destinazione scelgo se sarà all’avventura o secondo un percorso organizzato. Scelgo quasi sempre se sarà un viaggio organizzato in base alla destinazione d’arrivo.

Se devo andare in una capitale europea quasi sempre opto per il fai da te; tramite internet riesco a prenotare tutto, sia albergo che aereo, avendo così l’opportunità di un risparmio. Intraprendere questo tipo di viaggio mi permette, risparmiando, di stare qualche giorno in più nella meta prescelta e di scegliere personalmente ore, condizioni e luoghi.Invece, se devo andare fuori dal “mio territorio” opto per un viaggio organizzato, forse per la paura di arrivare in territori a me totalmente sconosciuti e poter così avere una sicurezza garantita al 100%. Spostamenti, orari, pasti e gite tutto ben distribuito nei giorni di vacanza.

In entrambe le due scelte di viaggio vi possono essere limiti e fattori negativi, nel viaggio indipendente l’incognita della destinazione prescelta, l’insicurezza che deriva dal non aver nessuno a cui potersi rivolgere. Mentre in quello organizzato si incorre spesso nel rischio di perdere il gusto del viaggio e della scoperta, di sentirsi intrappolato in orari e troppo rigidi, di vivere in una “bolla” turistica. Insomma, il livello di organizzazione che scegliamo determina l’esperienza di viaggio che maturiamo.

Fateci sapere quali sono secondo voi i limiti e le opportunità di un viaggio organizzato e quelli di un viaggio indipendente.