Viaggiare e Rinunciare alle Abitudini

Se quando viaggio non so rinunciare alle mie abitudini, forse vuol dire che sono insicuro o che ho qualche preclusione verso  l’altro .

Viaggiare oggi più che mai vuol dire mettersi in discussione, fare esperienze lontane da quelle che mi rassicurano e calarmi in una nuova realtà.

Una cosa che accomuna noi italiani è quella di portarci in valigia un pezzo di casa nostra, in particolare la buona tavola. Beh questo ci preclude la sperimentazione del nuovo.

Mi ricordo un viaggio fatto di recente, in cui ho visto un mio amico fare la spesa in un minimarket italiano. Io sono dell’idea che se spendo per un viaggio metto in conto che mi devo immergere nella cultura che vado a visitare, altrimenti tanto vale rimanere a casa.

Personalmente difficilmente ricerco l’Italia all’estero, normalmente sono aperto a tutto ciò che può espandere il mio bagaglio di conoscenze, e vorrei che fosse così per tutti.

A costo di viaggiare da solo non ripeterò la brutta esperienza fatta due anni fa con una coppia di amici, per i quali la massima aspirazione era dormire fino a tardi salvo poi passare l’intera giornata in spiaggia. In dieci giorni abbiamo visitato solo una città. Per me questo non è viaggiare.